Santuari frigi alla Mater

Santuari frigi alla Mater

“…la Biblioteca perdurerà: illuminata, solitaria, infinita, perfettamente immobile, armata di volumi preziosi, inutile, incorruttibile, segreta.” J. L. Borges

Yazilikaya, Turchia: monumento di Areyastis

 

– Santuari frigi alla Mater intagliati nella roccia –

n.b. Immagini tratte dal documento
www.seres2007.anadolu.edu.tr/ing/Breezing%20from%20Phrygia.pdf
Università dell’Anatolia, Facoltà di Letteratura, Dipartimento di Archeologia, Eskisehir, Turchia.

1. Yazilikaya, Turchia: monumento di Areyastis (VII-VI sec. a.C.)

2. Sito archeologico della “Città di Mida” (presso Yazilikaya, Turchia): santuario in onore della “Mater”, scavato nella roccia, risalente al VI° secolo a.C. circa; la dea è raffigurata in piedi con a fianco due leoni.

 

3. Monumento di Büyük Kapikaya (VI sec. a.C.), nei pressi di Bozhöyük (Turchia).
C’è solo un’unica stanza, nella parte più bassa della facciata; su entrambi i lati della profonda nicchia il muro è decorato con uno schema a piccole croci, quelle piccole inserite dentro quelle più grandi.
La statua della dea è stata intagliata dalla roccia stessa. E’ in piedi, indossa un “polos”, una lunga veste. VI sec. A.c.

4. Monumento di Kucuk Kapikaya (VI sec. a.C.), nei pressi di Doger (Turchia).